CORSO DI LINGUA INGLESE
GRATUITO
Metodo Patrizia Coppa
Cliccami...

data: 30/11/2011
SENTENZA DI CONDANNA, MA L'ARRINGA DELL'AVVOCATO MAZZATOSTA FA ASSOLVERE L'IMPUTTATO DAI DUE CAPI DI IMPUTAZIONE PIU' GRAVI
Si è conclusa l'arringa dell'avvocato Marco Valerio Mazzatosta, al processo che ha visto alla sbarra l'uomo che aveva piazzato una bomba artificiale in un negozio a Capodimonte. Il legale ha messo a segno una serie di argomentazioni grazie alle quali è riuscito a far assolvere il proprio assistito dai due capi di imputazione più gravi, ossia possesso di armi esplosive e crollo.

Condannato a due anni, soltanto per danneggiamento, oltre al risarcimento danni di 5 mila euro. Il pubblico ministero aveva chiesto tre anni e sei mesi oltre al pagamento di mille euro. Il Collegio dei giudici del Tribunale di Viterbo ha accolto solo parzialmente le richieste dell'accusa, poiché il processo indiziario, ha portato ad una ricostruzione che non ha provato la piena responsabilità dell'imputato. Le motivazioni del gesto dell'imputato di gettare la bomba nel negozio di Capodimonte, sono da ricercare in un precedente diverbio avuto tra l'uomo ed una cliente del locale, alla quale aveva chiesto di spegnere una sigaretta. Dalla lite si era arrivati ad un processo, ma la proprietaria dell'esercizio pubblico non si sarebbe presentata a testimoniare al processo e per questo motivo l'uomo, ex artificiere militare, si sarebbe vendicato posizionando la bomba nel suo negozio.

Patrizia Coppa
Direttore responsabile

REG. TRIB. VT N°01/08
 

Studio Pubblicitario Viterbese S.r.l. - Via Tommaso Carletti, 35 - 01100 Viterbo - P.Iva 01416820569