CORSO DI LINGUA INGLESE
GRATUITO
Metodo Patrizia Coppa
Cliccami...

data: 23/11/2011
Futuro Tuscia: ” Talete, una vergogna, nonostante l’acqua all’arsenico, aumentano le bollette”



“Apprendiamo dai giornali che la società Talete è sulla via del risanamento economico ed il gran miracolo sembra si avvia a compimento! Ora se dal punto di vista della tutela dei posti di lavoro relativi ai dipendenti non possiamo che essere felici del risultato, certamente la stessa cosa non si può manifestare guardando alle tasche del contribuente.
Facendo un passo indietro nel tempo ricordiamo che il servizio dell’acqua POTABILE fu gestito nella nostra città per circa un ventennio dall’allora S.I.C.E.A Spa (società italiana costruzione esercizio acquedotti) che a seguito dell’applicazione della legge Galli dovette necessariamente “cedere il passo” ad altre aziende tra cui la Robur Spa, fino ad arrivare poi all’attuale esercizio a cura Talete.
Purtroppo già con la Robur si manifestarono diversi problemi, i più gravosi inerenti ad un bilancio che certificava perdite per diversi milioni d’euro, situazione che inevitabilmente si riflesse in maniera negativa nel successivo passaggio del servizio idrico all’attuale gestore, appunto Talete.
Da tutto ciò, a nostro avviso, emerge una netta ed inequivocabile responsabilità della politica locale, attenta più a soddisfare gli appetiti “poltronistici” economici d’alcune persone che gli interessi della collettività. Di fatto, nella maggior parte dei casi i “ super manager” nominati dai politici non sono stati all’altezza dell’incarico conferitogli, causa l’incompetenza riguardo ad un ruolo importante qual è la gestione di una società, in pratica, a giudicare dai risultati, spesso si è trattato dell’opera d’improvvisati gestori che non esitiamo a definire “dilettanti allo sbaraglio”.
Una qualità dell’acqua nettamente peggiorata, fino a renderla non potabile a fronte della presenza di sostanze tossiche quale l’arsenico, una rete idrica inefficiente, i cittadini (tra cui molti anziani) costretti a munirsi a pagamento di una tessera per fare la fila presso gli erogatori d’acqua esterni, stile anni dopoguerra e ciliegina sulla torta, un ulteriore consistente aumento della bolletta che comporterà a tutti noi entro il 2013 un aggravio economico medio pari a circa tre euro al metro cubo d’acqua erogata, probabilmente ancora non potabile!
Come sempre a subire le conseguenze di questa vergognosa situazione sono solo i cittadini, inermi di fronte a tanta ingiustizia, mentre i manager ed i relativi “padrini” politici non pagano mai.
E’ giunta l’ora che i soggetti incaricati a gestire servizi importanti come quello idrico siano persone competenti le quali necessariamente devono rispondere (anche penalmente) dei risultati ottenuti.
Oggi il presidente della Provincia si è detto soddisfatto affermando: ”Non abbiamo risolto tutti i problemi di Talete ma se non altro abbiamo dato stabilità alla società con la speranza di tutelare gli interessi degli utenti del servizio”. Chiaro il concetto? Adesso i nostri interessi li tutelano aumentandoci la bolletta! Noi pensiamo invece che sia proprio al contrario! Diminuzione dei costi a fronte di un servizio migliore, in pratica si chiama EFFICIENZA.


Futuro Tuscia Viterbo

Patrizia Coppa
Direttore responsabile

REG. TRIB. VT N°01/08
 

Studio Pubblicitario Viterbese S.r.l. - Via Tommaso Carletti, 35 - 01100 Viterbo - P.Iva 01416820569