CORSO DI LINGUA INGLESE
GRATUITO
Metodo Patrizia Coppa
Cliccami...

data: 05/11/2010
TARQUINIA - IL LIBRO - “LA CARNE E IL SANGUE”
Sullo sfondo delle vicende che hanno segnato la dolorosa rinascita delle Brigate Rosse, Marco De Franchi, con 'La carne e il sangue' costruisce un romanzo a meta' strada tra la realtà e la finzione. Immagina ciò che avrebbe potuto verificarsi e svela ciò che per poco non e' successo.


Marco De Franchi è nato a Roma e attualmente vive in Toscana.

È Sostituto commissario della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile e ha fatto parte del gruppo investigativo che ha condotto l’inchiesta sulle nuove Br fino all’arresto dei responsabili degli omicidi D’Antona, Biagi e Petri. Anche da questa esperienza è nato il romanzo La carne e il sangue.

Ha pubblicato in numerose antologie e riviste come L’Eternauta e M-Rivista del Mistero. Un suo racconto è apparso di recente nell’antologia La Legge dei Figli, per Meridiano Zero. Molti suoi racconti, oltre alla traduzione del romanzo breve Gli Occhi nel Bosco, sono apparsi in Francia.

È stato soggettista e sceneggiatore di fumetti, tra cui Lanciostory e Skorpio.


IL LIBRO - “LA CARNE E IL SANGUE”

Marco Biagi è stato appena ucciso. Prima e dopo di lui, gli omicidi di Massimo D'Antona e di Emanuele Retri. E poi le rapine, gli attentati. Il Paese precipita di nuovo nell'incubo degli anni di piombo. Ma il mosaico di sangue che i terroristi delle nuove Brigate rosse hanno iniziato a tracciare è solo all'inizio e stanno per colpire ancora una volta.

Mentre un gruppo di investigatori tra Roma, Firenze e Bologna tenta di svelare le identità degli appartenenti all'ultima, feroce colonna armata del partito combattente e a impedire il compimento dell'attacco allo Stato, sui fronti opposti di questa guerra due donne intrecciano in maniera imprevedibile i loro destini.

Lucia Cardini è una moglie innamorata, una madre amorevole e conduce un'esistenza tranquilla, borghese. Eppure, quando le esigenze lo richiedono, Lucia si trasforma in "Federica", militante rivoluzionaria, combattente spietata, fedele alla causa brigatista. Serena D'Amico è un commissario di polizia che ha sacrificato la sua vita alla caccia ai terroristi. Il suo compito è quello di dare un nome e un volto all'imprendibile Federica. Ma dalla terrorista e dalla sua vita nascosta Serena finirà per restare ossessionata. Finché scoprirà di essere legata alla brigatista da un episodio, doloroso e terribile, del suo passato.

=======================

La Carne e il Sangue: tra un vino rosso e l’altro, Marco De Franchi racconta l’Italia spaventata dalle Nuove BR

Rosso è il colore del vino, ricco, acceso e corposo; rosso è il colore delle bandiere, simbolo d’ideali ed obbiettivi; rosso è, infine, il colore del sangue, che la traditrice degenerazione di quegli ideali ha fatto scorrere.

Book&Wine atto quarto è un appuntamento dalle tinte forti: decisi i sapori dei vini scelti per la degustazione – Negroamaro Elo Veni dalla Cantina Leone De Castris, Cannonau della Cantina Mancini e il tarquiniese Soremidio della Cantina Sant’Isidoro – duri i temi trattati nell’incontro con l’autore scelto, Marco De Franchi.

Sostituto commissario della Polizia di Stato in servizio presso la Squadra Mobile, De Franchi parlerà, infatti, della sua esperienza investigativa nell’indagine sulle Nuove Brigate Rosse, che portò all’arresto dei responsabili degli omicidi Biagi, D’Antona e Petri. Spiegando come da quei momenti sia nata l’ispirazione per la storia di La carne e il sangue, incrocio di vite e destini ambientato nell’Italia che, in quel periodo, sembrava risprofondare nel clima di terrore degli anni di piombo.

Domenica 7 novembre, a partire dalle 18, all’interno della sala I.S.D.E.R. – a Tarquinia, lungo l’Alberata Dante Alighieri – Book&Wine spinge all’estremo l’abbinamento, quasi metaforico, tra i sorsi di vino rosso e le pagine di De Franchi, nel pieno spirito di una kermesse che sul millenario intreccio di conviviale godimento e fascinosa narrazione fonda la sua ragion d’essere.

“Questo è Book&Wine – spiega entusiasticamente Alessandro Antonelli, presidente dell’Università Agraria di Tarquinia, promotrice di questa serie di eventi enoletterari – cioè cultura che stimola convivialità, coinvolgimento che suscita interesse, valorizzazione di più patrimoni, da quello letterario e narrativo a quello enogastronomico, senza dimenticare la promozione per il territorio tarquiniese.

E un’esperienza come quella che vivremo con De Franchi sarà qualcosa d’imperdibile per vivere, con consapevolezza, momenti chiave della recente storia d’Italia”.






Patrizia Coppa
Direttore responsabile

REG. TRIB. VT N°01/08
 

Studio Pubblicitario Viterbese S.r.l. - Via Tommaso Carletti, 35 - 01100 Viterbo - P.Iva 01416820569