CORSO DI LINGUA INGLESE
GRATUITO
Metodo Patrizia Coppa
Cliccami...

data: 18/02/2010
“ALLOGGI A BAGNAIA E IN VIA MATTEOTTI, ECCO COME STANNO LE COSE”

In foto Ugo Gigli
“ALLOGGI A BAGNAIA E IN VIA MATTEOTTI, ECCO COME STANNO LE COSE”

L’Ater di Viterbo interviene sulle polemiche relative agli alloggi. Panunzi: rispettiamo gli impegni assunti

“Il compito dell’Ater è quello di costruire alloggi e curarne la manutenzione, nell’interesse degli inquilini: e per raggiungere tali finalità, nel rispetto della legge e degli indirizzi fissati dalla Regione Lazio che ha sempre approvato l’operato dell’Azienda, vanno fatte delle scelte”.

Il presidente dell’Ater Enrico Panunzi e il direttore generale Ugo Gigli intervengono in merito all’acquisto e al recupero di 52 alloggi a Bagnaia e alla costruzione di 30 alloggi in via Matteotti.

“Con delibera dello scorso 13 novembre – spiegano – il Consiglio di amministrazione ha deciso tale intervento, reso possibile mediante fondi derivanti dalla mancata costruzione di 27 alloggi in località Sbarri, dal momentaneo utilizzo del finanziamento per il recupero di 13 unità immobiliari a Sipicciano e dall’utilizzazione di economie derivanti dagli appalti delle manutenzioni straordinarie.

Nella stessa delibera, tra l’altro, è stato deciso di trasformare l’intervento in via Matteotti (30 alloggi) da edilizia pubblica sovvenzionata a edilizia pubblica agevolata.

I 30 alloggi saranno destinati a categorie sociali particolari, come giovani coppie e anziani”.

Secondo l’Ater tali operazioni nel loro complesso costituiscono un apprezzabile contributo per risolvere il problema casa nel capoluogo, dove ci sono quasi 1000 domande di assegnazione di alloggi. Spiega Panunzi: “L’intervento in via Matteotti è perfettamente compatibile con la deliberazione del consiglio comunale numero 101 del 10 giugno 1997, con la quale si approvava il progetto, nonché con l’atto di permuta di bene presente con bene futuro, stipulato tra Comune e Ater il 17 dicembre 1998. Il fatto che gli alloggi siano destinati all’edilizia agevolata invece che a quella sovvenzionata non fa venire meno la caratteristica di edilizia residenziale pubblica.

E’ evidente che non si tratta di nessun cambi di destinazione d’uso, né tanto meno di difformità rispetto agli impegni assunti”.

Per il direttore Gigli “risulta palese che a fronte di 27 alloggi non realizzati in località Sbarri, che sarebbero stati comunque pronti tra qualche anno, e di 13 alloggi momentaneamente non avviati a Sipicciano (per un totale di 40 alloggi) verranno acquistati e recuperati 52 alloggi a Viterbo. Senza dimenticare quanto deciso con la stessa delibera: l’acquisto di 51 alloggi a Montalto da destinare ad edilizia convenzionata e, sempre a Montalto, l’acquisto di 56 alloggi da destinare ad edilizia pubblica convenzionata”.

Su Bagnaia, infine, c’è da precisare che il recupero degli immobili non sarà particolarmente complesso: i lavori, che costeranno circa 2 milioni di euro, consisteranno nel ripristino delle finiture e degli impianti e non investiranno le strutture.

Patrizia Coppa
Direttore responsabile

REG. TRIB. VT N°01/08
 

Studio Pubblicitario Viterbese S.r.l. - Via Tommaso Carletti, 35 - 01100 Viterbo - P.Iva 01416820569